Castelnuovo-Tedesco a Cremona Musica 2023

Diana Castelnuovo-Tedesco / News /

La musica di Mario Castelnuovo-Tedesco ha avuto una presenza notevole alla fiera Cremona Musica, tenuta dal 22 al 24 settembre 2023. Ogni anno questa manifestazione attira più di 20.000 visitatori tra cui figurano musicisti, collezionisti, giornalisti, editori, dealer, studenti, e appassionati di musica, provenienti dall’Italia e dall’estero. Vi presentiamo alucuni momenti salienti che si sono svolti durante la fiera.

Roberto Prosseda, pianista e coordinatore artistico di Cremona Musica, ha ideato e condotto una tavola rotonda focalizzata sulla valorizzazione e la promozione del patrimonio musicale italiano. I relatori erano gli eredi o i rappresentanti delle rispettive fondazioni di compositori italiani. Diana Castelnuovo-Tedesco ha partecipato insieme a Gianmario Borio dell’Istituto per la Musica della Fondazione Giorgio Cini di Venezia;  Vitale Fano dell’Archivio Musicale Guido Alberto Fano Onlus di Venezia e della Fondazione Musicale Omizzolo Peruzzi di Padova; Lucio Nicolodi del Fondo Fiamma Nicolodi e nipote di Alfredo Casella;  Marco Morricone, il figlio di Ennio Morricone; Fabrizio Petrassi del Fondo Goffredo Petrassi,  e Pietro Zappalà del Centro Studi Ponchielli. Diana ha discusso l’attività di rendere disponibile la musica di Castelnuovo-Tedesco che include progetti editoriali e collaborazioni con musicisti, conservatori e concorsi. 

Laura Moro, la direttrice editoriale di musica classica presso le Edizioni Curci e Diana Castelnuovo-Tedesco hanno presentato la Mario Castelnuovo-Tedesco Collection, la prima collana editoriale dedicata alla musica del compositore fiorentino. In collaborazione con il CIDIM, la collana prevede la pubblicazione delle composizioni inedite conservate presso la Library of Congress a Washington, D.C., conformemente ai manoscritti originali. Attualmente la collana comprende più di 25 opere: musica da camera, opere liriche, liriche da camera, musica per pianoforte e per orchestra. Laura e Diana hanno evidenziato le edizioni piu recenti: Goccius, un’opera per soprano solo e coro a cinque voci, centrato su un tema popolare sardo; l’arrangiamento per orchestra d’archi della Partita in Si minore per violino solo di Bach e una nuova edizione di due liriche che appartengono al periodo fiorentino di Castelnuovo-Tedesco: Sera (1921), che mette in musica le prime due celebri terzine dell’ottavo canto del Purgatorio dantesco, e Ballata (1923), che mette in musica i versi di un altro grande poeta toscano, “Messer Angelo Ambrogini, detto il Polizano”. 

“Io Suono Italiano” è il titolo del concerto di gala organizzato da Cremona Musica presso l’Auditorium Arvedi del Museo del Violino di Cremona. A questo evento si sono festeggiate la cultura e la musica italiana a partire da Dante a Rossini e Paganini, fino ad arrivare ai compositori del novecento e contemporanei come Casella, Petrassi, Omizzolo, Gilardino e Morricone. Il pianista Alessandro Marangoni e il violoncellista Pietro Scimemi hanno eseguito il Chant Hébraique di Castelnuovo-Tedesco davanti ad una platea entusiasta.

Grazie e complimenti a tutti coloro che sono stati coinvolti in questo progetto per essersi dedicati alla creazione di un ricchissimo programma pieno di ispirazione e per essere riusciti a generare un’atmosfera accogliente che incoraggia condivisione e collaborazione.

Foto da sinistra a destra: Diana Castelnuovo-Tedesco e Laura Moro con Angela Nisi alla presentazione della Mario Castelnuovo-Tedesco Collection; Diana col Maestro Giovanni Podera; Pietro Zappalà, Fabrizio Petrassi, Marco Morricone, Vitale Fano, Diana Castelnuovo-Tedesco, Gianmario Borio, e Roberto Prosseda alla tavola rotonda sul patrimonio musicale italiano; sotto: il violoncellista Pietro Scimemi e il pianista Alessandro Marangoni suonano la musica di Castelnuovo-Tedesco al concerto di gala.

.