Prima esecuzione del concerto per violoncello in Polonia

Diana Castelnuovo-Tedesco / News / / Like this
Prima esecuzione del concerto per violoncello di Mario Castelnuovo-Tedesco in Polonia

È stata cancellata per cause di forza maggiore, legate all’emergenza sanitaria del COVID-19, la “prima” polacca del Concerto per violoncello e orchestra di Mario Castelnuovo-Tedesco con la violoncellista Silvia Chiesa, in programma il 20 marzo 2020 a Jelenia Góra, con l’Orchestra Filarmonica della Bassa Slesia diretta da Massimiliano Caldi. L’organizzazione e gli artisti sono in contatto per recuperare l’evento nel 2021. Aggiornamenti: www.silviachiesa.com.

La violoncellista milanese Silvia Chiesa rilancia il concerto per violoncello e orchestra in sol minore op. 72 di Mario Castelnuovo-Tedesco: una opera quasi scomparsa dalle scene dopo il suo debutto nel 1935 con il leggendario virtuoso russo Gregor Piatigorsky, che lo aveva commissionato, insieme con la New York Philharmonic diretta da Arturo Toscanini. Silvia Chiesa lo riporterà sotto i riflettori eseguendolo venerdì 20 marzo 2020 in Polonia, a Jelena Góra, con l’Orchestra Filarmonica della Bassa Slesia, diretto dal Maestro milanese Massimiliano Caldi.

Il brano è l’unico concerto per violoncello firmato da Castelnuovo-Tedesco, che lo scrisse qualche anno prima della partenza per gli Stati Uniti, causata dalla promulgazione delle leggi razziali. “Castelnuovo! Molti violoncellisti potranno suonare la musica meglio di me, ma nessuno la suonerà mai con tanto amore: per favore, mi scriva un concerto!” Con queste parole Piatigorsky era riuscito a convincere il compositore, al quale sarebbe poi stato legato da una profonda amicizia (dal libro Mario Castelnuovo-Tedesco. Un Fiorentino a Beverly Hills di Angelo Gilardino, Edizioni Curci).

Da allora il brano è finito nell’oblio. “Un oblio ingiustificato,” dichiara Silvia Chiesa, “visto che si tratta di una delle pagine più belle del repertorio per violoncello e orchestra, che non è certo affollato come per esempio quello per violino e orchestra.”  Interprete di riferimento per la musica del Novecento italiano, Silvia Chiesa è l’artefice della prima registrazione italiana del brano, realizzata nel 2018 per Sony Classical insieme con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Massimiliano Caldi. “Da italiana, ma soprattutto come musicista,” conclude la violoncellista, “credo che sia importante riportare alla luce un capolavoro come il concerto di Castelnuovo-Tedesco e sono lieta di fare da ambasciatrice, insieme con un eccellente collega e amico come Massimiliano Caldi, in un Paese di importanti tradizioni musicali come la Polonia.”

Il commento del Maestro Caldi: “Presentandosi l’occasione di impaginare un programma italiana presso una delle tante istituzioni polacche con cui collaboro, non mi sono lasciato sfuggire l’occasione di proporre quella che sarà a tutti gli effetti una ‘prima polacca’ per potere avere di nuovo l’onore e il piacere di collaborare con Silvia Chiesa, con cui ho condiviso la bellissima avventura musicale torinese sul podio dell’Orchestra  Nazionale della Rai in occasione della registrazione per Sony Classical.”

Presentazione sul concerto a Jelena Góra: http://filharmonia.jgora.pl/repertuar,6/wielkie-osobowosci-wloskie-inspiracje,2890?did=4476

Per ascoltare un estratto del Concerto: https://www.youtube.com/watch?v=WIBDaX1frig&list=OLAK5uy_lKim3Z4nePsQIo23zPwHdZsyY1tmxtZPg