La prima raccolta di saggi musicologici dedicati all’opera di Castelnuovo-Tedesco

Diana Castelnuovo-Tedesco / News / / Like this
Nuovo volume su Castelnuovo-Tedesco

L’ignoto iconoclasta: studi su Mario Castelnuovo-Tedesco (Libreria Musicale Italiana, 2019), da un’idea di Assonanze (Associazione di Giovani Musicologi di Sapienza Università di Roma), nasce a seguito del Convegno Internazionale di Studi sull’opera e la poetica musicale di Mario Castelnuovo-Tedesco presso Sapienza Università di Roma nel 2018.

Questo volume, a cura di Alessandro Avallone e Gianluca Bocchino, raccoglie i contribuiti presentati durante il convegno e presenta la prima raccolta organica di saggi musicologici dedicati all’opera del compositore fiorentino.

Scrive la Professoressa Susanna Pasticci nella sua prefazione: 

Ci sono storie che meritano di essere raccontate e musiche che meritano di essere ascoltate, ma che spesso non trovano spazio nelle grandi narrazioni storiografiche perché non si lasciano facilmente imbrigliare nelle categorie convenzionali. Il caso di Mario Castelnuovo-Tedesco è un esempio assai eloquente di questa difficoltà di raccontare l’esperienza musicale di un’artista che sembra aver deliberatamente assunto una posizione refrattaria a ogni inquadramento possibile. Dunque una personalità complessa, che tuttavia ha saputo giocare un ruolo attivo nell’orizzonte culturale della sua epoca attraverso la sua musica e le sue riflessioni sulla musica. Dotato di una felice vena creativa e sostenuto da una solida preparazione tecnica, Castelnuovo-Tedesco era anche un intellettuale finissimo, di formazione e attitudini cosmopolite, che ha esercitato l’attività di critico musicale in parallelo con quella di pianista e compositore. 

Susanna Pasticci

Il “sorriso di canzonatura” di Mario Castelnuovo-Tedesco (Prefazione)

Franco Piperno

 Castelnuovo-Tedesco e il neoclassicismo

Aloma Bardi

 L’America musicale e culturale di Mario Castelnuovo-Tedesco. Note dalla lunga traversata

Antonio Rostagno

Mario Castelnuovo-Tedesco e l’assenza di una generazione

Mila De Santis

Aucassin et Nicolette, una cantafavola tra due mondi

 Gianluca Bocchino

Castelnuovo-Tedesco e le musiche di scena per il “Savonarola” al Maggio Musicale Fiorentino

Simone Caputo

Mario Castelnuovo-Tedesco a Hollywood: compositore di film score, original music, e stock music

Alessandro Maras

 La polifonia vocale profana di Castelnuovo-Tedesco fra Monteverdi, Pizzetti e “neomadrigali”

Silvia D’Anzelmo, Valerio Sebastiani

Il Crepuscolarismo di Mario Castelnuovo-Tedesco: intersezioni con la poetica di Aldo Palazzeschi

Alessandro Avallone, Emanuele Franceschetti

 Mario Castelnuovo-Tedesco e Paul Valery: Ragioni e esiti di un incontro musicale

“Sottrarre all dimenticanza l’opera di Mario Castelnuovo-Tedesco è l’obiettivo principale di questo libro,” spiega la Prof.ssa Pasticci. “In mancanza di una tradizione di studi dedicati all’opera di Castelnuovo-Tedesco, gli autori di questo volume si sono trovati a dissodare un terreno completamente vergine…un compito tutt’altro che ingrato visto che ha aperto la strada a una pluralità di percorsi d’indagine possibili. Alcuni hanno intrapreso la via delle ricerche d’archivio, propiziate dalla possibilità di accedere al ricchissimo lascito del compositore conservato alla Library of Congress di Washington che raccoglie i suoi manoscritti, is suoi materiali di lavoro e i suoi carteggi. D’altra parte, i risultati di altre ricerche presentate in questo volume dimostrano come anche gli archivi italiani, e in particolare quelli fiorentini, possano rivelarsi ricchi di documenti preziosi per lo studio della sua opera.”

Informazioni:

https://www.lim.it/it/opere-collettive/5704-l-ignoto-iconoclasta-9788855430050.html