Un ambizioso progetto di ricerca a Cagliari

Diana Castelnuovo-Tedesco / News /
Progetto di Ricerca " I grandi dimenticati: Mario Castelnuovo-Tedesco" al conservatorio di Cagliari 2023-2024

“I Grandi Dimenticati: Mario Castelnuovo-Tedesco,” ha preso il via il 22 ottobre al Conservatorio G.Pierluigi da Palestrina a Cagliari e proseguirà fino al 10 maggio 2024. Il progetto include un ciclo di 22 conferenze e concerti dedicati alla musica di Mario Castelnuovo-Tedesco che coinvolgono 22 docenti e più di 100 studenti del Conservatorio, oltre ad altri 15 provenienti da tutta Europa. L’inaugurazione ha visto la partecipazione di due nipoti del compositore, Diana e Greg Castelnuovo-Tedesco.

La serata del 22 ottobre Riccardo Rosas ha intervistato Diana che ha parlato del percorso musicale di suo nonno e ha anche condiviso i ricordi personali.  La serata è proseguita col Concerto inaugurale dell’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Cagliari diretta dal maestro Sergio Monterisi. Il programma musicale ha cominciato con la prima esecuzione moderna di Goccius (Laudi di sant’Efisio) su di un tema popolare sardo per soprano solo e coro a 5 voci. Castelnuovo-Tedesco scrisse il brano a Castiglioncello nell’agosto del 1937, e lo dedicò ad “Ariel”, ossia Gabriele D’Annunzio. L’opera fu eseguita in occasione della “Seconda manifestazione di musica popolare sarda” che si tenne il 5 ottobre 1937 presso il Teatro Civico di Cagliari. L’esecuzione musicale, sotto la direzione di Andrea Morosini e con la partecipazione della cantante solista Laura Pasini, coinvolse un centinaio di coristi che, in costume sardo, affiancarono l’orchestra del locale liceo. Di Goccius il Conservatorio di Cagliari custodisce nella la biblioteca un manoscritto autografo, datato 1937. In occasione del Progetto di ricerca I grandi dimenticati, le edizioni Curci hanno pubblicato un edizione del brano «preparata nella piena osservanza del manoscritto originale  – fornito dagli eredi del compositore – con poche e lievi modifiche puramente scritturali».  

Il concerto sinfonico ha continuato con due delle ouvertures Shakespeariane del Maestro, scritte durante gli anni italiani:  Il Racconto d’inverno (1934) e La dodicesima notte (1933). Il concerto si è concluso con il capolavoro orchestrale di Castelnuovo-Tedesco: il Concerto per violino e orchestra n.2 “I Profeti”, col strepitoso solista Davide De Ascaniis.

Due altri appuntamenti si sono svolti durante la settimana dell’inaugurazione: il 24 ottobre “L’universalità nelle liriche da camera”  un concerto di musica per voce e pianoforte eseguita da Paola Spissu, soprano, e Antonio Luciani, pianoforte e il 25 ottobre “Leggerezza melodica ed espressività neoromantica”, un concerto di musica da camera eseguita da Anna Campagnaro, violoncello, e Maria Tea Lusso, pianoforte. Il prossimo concerto si terrà il 17 novembre e sarà dedicato ai Sonetti di Shakespeare di Castelnuovo-Tedesco. Si coinvolgeranno quattro allieve della classe di Canto: Manuela Ragusa, Eleonora Marras, Irina Miroshnichenko ed Eleonora Chighine, accompagnate al pianoforte da Maria Cristina Secchi, titolare della cattedra di Accompagnamento pianistico. Ulteriori informazioni sono disponibili qui

Osserva Aurora Cogliandro, direttore del Conservatorio di Cagliari: «Il nostro Istituto firma una pagina memorabile della cultura locale, italiana ed internazionale si rende protagonista della più grande rievocazione di Mario Castelnuovo-Tedesco mai realizzata da un Ente musicale. La sua musica risplende sempre di magistero formale, eufonia, combinazioni timbriche spesso insolite e affascinanti, un’infinita varietà di soggetti e atmosfere, sa essere profonda e leggera, elegante e ironica, trasportando in mondi lontani nel tempo e nello spazio o nei meandri di un’anima che sembra contenere l’intero universo».

La famiglia del compositore vorrebbe ringraziare i docenti referenti del progetto: Antonio Luciani, Maria Tea Lusso, Maria Cristina Secchi e Francesco Maria Moncher; il direttore del conservatorio, Aurora Cogliandro; e tutti i docenti, solisti, e allievi coinvolti nel progetto per il loro impegno e entusiasmo per lo studio della musica di Mario Castelnuovo-Tedesco.